L’antica arte cinese del Feng Shui

Progettare ed arredare un’abitazione secondo i principi del Feng Shui significa interagire con l’ambiente naturale e trarre da esso il maggior beneficio possibile e significa adottare uno stile di vita in armonia con gli elementi che ci circondano.

cucina in stile feng shui

Il significato e la storia del Feng Shui

Feng Shui si può tradurre con “acqua e vento” ed è l’arte che si basa sul principio del Chi, cioè sull’energia in grado di animare tutte le cose.

Ha origini molto lontane, tanto che le prime testimonianze di costruzioni Feng Shui che sono state ritrovate risalgono all’era neolitica, nel 4000 a.C.

Nel corso dei secoli furono numerosi gli esponenti del Feng Shui che contribuirono a migliorare e consolidare questa arte, tra di esse, il re Fu-shi (2852-2737 a.C.) fu colui che pose le basi del sistema divinatorio attraverso l’analisi attenta degli eventi e della predizione del futuro.

L’imperatore Giallo, Huang-ti (2697-2597 a.C.), invece, inventò un sistema di scrittura, la sericoltura, la ruota del vasaio e il compasso; migliorò la numerologia e gli studi sui punti cardinali.

Furono tutti questi studi e queste scoperte che portarono alla elaborazione di un’arte complessa, ma efficace nella costruzione sia di piccoli edifici che di grandi opere.

Gli studi sui numeri e i rapporti numerici si sono rivelati utili per spiegare eventi e movimenti cosmici, per capire le forme geometriche e le proporzioni degli organismi presenti in natura e hanno portato poi alla affermazione di tante altre arti come l’architettura, la geometria, la musica o la scultura.

Uno immanifesto, Tao, Yin e Yang

Il Feng Shui ha dietro di sé l’antica filosofia cinese, ne ha fatti propri i principi fondamentali per ricavarne una teoria che ha lo scopo di creare armonia tra l’uomo e l’ambiente in cui vive.

Ripercorrendo l’evoluzione del pensiero cinese, in principio esisteva il Wu chi, il Vuoto originario o meglio noto come Uno immanifesto, cioè la conoscenza che l’uomo non era in grado di comprendere.

Per contrapposizione si forma l’Uno manifesto e da qui si hanno il Due e il Tre, che costituiscono l’Universo concreto che gli uomini possono conoscere.

L’insieme di tutto ciò che è conoscibile dall’uomo è chiamato Tao, ma è un insieme caotico di elementi che ricevono un ordine grazie allo Yin e allo Yang.

Sono due principi opposti e complementari o meglio sono due forze contrastanti, l’acqua e il fuoco, che vengono fatti corrispondere anche alla Terra e al Sole. Grazie ad essi il caos ha ricevuto ordine e l’immobilità ha iniziato a diventare vitale.

Yin e Yang spiegano le differenze che esistono nell’universo:

– Pianeta Terra: lo Yin è l’acqua, la terra, la staticità, la notte, gli abissi, il freddo. Lo Yang è il fuoco, il cielo, il moto, la luce, l’esterno, il caldo.

– Genere umano: lo Yin è la femminilità, la delicatezza, il riposo. Lo Yang è la mascolinità, la violenza, il movimento.

– Numerologia: lo Yin è il Due. Lo yang è l’Uno inteso come il principio dell’evoluzione. Dalla loro unione ne è nato il Tre che rappresenta la vita.

È chiaro, quindi, che ad ogni livello e in ogni ambito siano queste due forze, Yin e Yang, a costruire il mondo, a creare tutto ciò che esiste.

Solo grazie alla loro interazione, alla circolazione del Chi, possono essere spiegati gli eventi e solo arrivando all’equilibrio tra essi si raggiunge l’armonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *