Il Chi, la bussola e il Feng Shui oggi

In base alle conoscenze cinesi, in tutte le cose è presente il Chi e per vivere in armonia anche l’ambiente che ci circonda deve essere in equilibrio. Gli esperti di Feng Shui hanno acquisito un’antica arte attraverso la quale trovare l’equilibrio negli ambienti; basta una bussola e tanta esperienza.

il feng shui e l'arredamento

Il Chi e la sua energia in equilibrio

Dalla sua unità primordiale, il Wu chi, o semplicemente Chi, si è poi manifestato in una molteplicità di aspetti: terra, cielo, acqua, fuoco… Ma il Chi non è solo materia, è anche pensiero, discorso, emozione.

E l’arte del Feng Shui sa bene che l’armonia dell’essere umano non si raggiunge solo curando gli aspetti materiali della propria esistenza, ma dando importanza anche a quelli immateriali; in entrambi i casi è importante mantenere attiva l’energia vitale del Chi.

Il movimento e lo scontro tra Yin e Yang permettono questo fluire continuo di energia, ma raggiungere un equilibrio è importante. Sia la mancanza di energia che una vitalità impetuosa possono produrre effetti negativi nell’uomo e l’accostamento dello Yin all’acqua e dello Yang al vento aiuta a capire questo concetto.

L’acqua ha bisogno della corrente per fluire ed ossigenarsi, altrimenti diventa stagnante e sporca. Ma lo scorrere dell’acqua può diventare tanto violento da distruggere ogni cosa, quindi anche un eccesso di vento può essere deleterio.

La stessa cosa per l’aria: l’assenza di vento può far mancare il respiro, ma un vento troppo forte può addirittura demolire le abitazioni.

Il Feng Shui, quindi, fa attenzione al fatto che nell’ambiente in cui si vive sia in ogni cosa rispettato l’equilibrio tra Ying e Yang.

Come praticare il Feng Shui

L’esperto di Feng Shui per trovare l’equilibrio tra gli elementi si orienta grazie ad una bussola. In realtà esistono varie tipologie di bussola, ma una delle più conosciute è quella formata da otto cerchi concentrici al centro dei quali è posizionata una bussola. In ogni anello sono posti dei simboli:

– Nel primo gli otto trigrammi

– Nel secondo gli otto punti cardinali

– Nel terzo gli elementi

– Nel quarto e nel settimo lo Yin e lo Yang

– Nel quinto e nell’ottavo i dodici animali dell’astrologia cinese (Topo, Bue, Tigre, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane, Maiale).

Attraverso l’utilizzo corretto di questa bussola, possono essere orientate piante, arredamenti e può essere curata la disposizione delle stanze in modo che sia rispettato l’equilibrio tra Yin e Yang.

Ma non basta l’utilizzo della bussola per poter diventare esperti di Feng Shui; servono conoscenze accurate del terreno, delle piante e sono necessari anni di pratica sul campo.

Questa antichissima arte, però, ha rischiato di essere spazzata via dal rigido sistema di controllo introdotto dalla Repubblica Popolare Cinese che aveva messo al bando questa scienza.

Il Feng Shui, tuttavia, è riuscito a sopravvivere negli ambienti contadini ed è riuscito, recentemente, ad affermarsi anche nei Paesi occidentali.

Oggi, infatti, è stata acquisita una consapevolezza maggiore dell’importanza che il rispetto dell’ambiente ha per la nostra salute e il nostro benessere e l’architettura è sempre più attenta alla realizzazione di edifici biocompatibili. Il Feng Shui si inserisce perfettamente in questo nuovo filone della bioarchitettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *