Come scegliere un comodino

La scelta del comodino deve rispecchiare in primis il nostro stile ed il nostro gusto, quindi, a seconda di come siamo, anche il comodino può cambiare: sia nella forma, che nel materiale e nei colori.

comodino style

Come sono fatti i comodini

Un comodino standard, che segue linee tradizionali e semplici, ha delle dimensioni altrettanto standard, infatti è largo 45-50 cm, è lungo 30-40 cm ed è alto 40-50 cm.

Ci sono però anche comodini con dimensioni diverse in base alle parti di cui è costituito. Ad esempio coloro che hanno a disposizione poco spazio sono soliti optare per comodini larghi 30-35 cm, dotati di un solo ripiano che può avere forma rettangolare oppure quadrata.

Spesso si nota una certa somiglianza tra il materiale del comodino e quello della struttura del letto, proprio perché si cerca di comperarli abbinandoli. I comodini possono essere realizzati in diverse qualità di legno, quale: noce, quercia, oppure  possono essere di vari colori laminati e smaltati.

Se diamo adito alla moda, allora non è solito abbinare il comodino al letto, per questo sul mercato è possibile trovare comodini in acciaio oppure in metallo, o ancora ci sono comodini rivestiti da stoffa o dotati di ripiani in vetro.

Oltre al modello classico e tradizionale, esistono comodini che si caratterizzano per la presenza di elementi particolari. Abbiamo infatti il comodino a scomparsa, esso infatti può essere nascosto dietro la testata del letto o addirittura nel letto stesso.

Questa tipologia di comodino è scelta da coloro che non hanno molto spazio e in questo modo ne recuperano tanto. Oppure da coloro che sono ossessionati dall’ordine e, con questa soluzione, possono avere la camera sempre in perfetto ordine.

Esiste anche il comodino dotato di ruote, che consentono un facile spostamento. E lo si può sfruttare come piano di appoggio o come comodino-contenitore da collocare nel soggiorno.

C’è chi è amante delle cose particolari e decide di comperare il comodino a scorrimento, anche esso dotato di ruote, che grazie ad un incavo anch’esso è inserito nella parte laterale del letto.

Questo tipo di comodino può essere usato anche per svolgere attività quali mangiare  a letto, guardare la tv o lavorare con il computer.

Se siamo sprovvisti del comodino, possiamo usufruire di altri oggetti ai quali associare la stessa funzione.

Ad esempio un pouf può sostituire il comodino, così come un tavolino, che qualche anno fa avevamo acquistato in un negozio dell’usato e che avevamo dimenticato di avere in garage. Anche una sedia o uno sgabello della cucina può svolgere le funzioni di un comodino.

 

Scegliere lo stile del comodino

Se si è romantici e sentimentali,  la scelta ideale risulterà essere un tavolino in ferro battuto, dotato di due ripiani e da gambe con disegni arrotondati. Ma potete scegliere anche forme smaltate e verniciate di tonalità pastello. Allo stile del comodino potrete abbinare il copriletto, le tende e anche i cuscini.

Se invece siete tradizionalisti, la scelta ideale risulterà essere il classico comodino.

Se invece siete tipi ossessionati dall’ordine e dalla precisione, per voi si consigliano elementi decisi e essenziali, con la presenza di spigoli e non di curve. Il vostro comodino avrà un solo ripiano e se volete esagerare un cassetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *