Come preparare il letto in inverno

Elemento importante per il benessere psichico e fisico dell’organismo, il letto è più che un complemento d’arredo. Quando si avvicina l’ora del riposo, riveste un’essenziale importanza poter dormire in un letto fresco, accogliente e morbido. Vediamo qui alcune fasi utili per la sua preparazione quando le temperature scendono.

letto in inverno

Il calore del letto in inverno

Rispetto all’estate, d’inverno il letto deve sprigionare calore e, per farlo, la sua preparazione deve necessariamente cambiare: si  aggiungono altri elementi alla base.

Se si vuole preparare un letto molto caldo e confortevole, bisogna prima di tutto pensare a rivestire la rete con un coprirete di lana e un altro di cotone; a questo proposito, è necessario usare anche un coprimaterasso di lana, lenzuola e federe di flanella, coperte di lana, un plaid che andrà sistemato sopra le coperte per scaldare la parte inferiore del corpo, e un copriletto pesante.

La procedura passa sempre prima attraverso il rivestimento di rete e materasso; una volta coperti entrambi, infatti, si passa a sistemare il primo lenzuolo, che viene fissato sotto al materasso e con il lato delle cuciture rivolto verso l’interno. Su questo lenzuolo si adagia la coperta di lana e, a seguire, il plaid e il copriletto.

Tutta la biancheria dev’essere incastrata al di sotto degli angoli inferiori del materasso e ai lati della testiera. Bisogna, inoltre, ricordarsi sempre di fare il risvolto sotto ai cuscini e coprirli solo con il copriletto.

La scelta delle coperte per il letto in inverno

Se la mattina si va di fretta e non si ha molto tempo per rifare il letto, uno stratagemma potrebbe essere quello di usare piumini coperti dai rispettivi copripiumini, anziché posizionare sul lenzuolo prima la coperta e poi il plaid.

In questo modo, il letto risulterà più veloce da preparare e semplice da sistemare: infatti, oltre al lenzuolo, l’altro elemento di cui sarà formato il letto sarà il piumino.

Il piumino va scelto con cura e questa scelta dipende non solo da fattori estetici come la forma e il colore, ma anche dalla temperatura esterna e interna e dalla resistenza che si ha verso il freddo, ovvero se si ha una natura freddolosa o meno.

Se però il freddo non si soffre in modo esagerato e se si tiene la casa calda grazie all’uso di climatizzatori e termosifoni, allora sarebbe meglio usare anche in inverno, non solo d’estate, la biancheria di cotone. Attenzione però: non tutti i tipi di biancheria vanno bene anche in inverno.

E sufficiente limitarsi ad usare cotone per coprirete, coprimaterasso, lenzuola e federe di cotone, mentre in lana tutto il resto, tra coperte, plaid e piumini. Questo perché se il letto risulta troppo caldo, si potrebbe rischiare di passare nottate insonni per via del troppo sudore provocato dalla pesantezza della biancheria di lana.

È preferibile quindi che, a contatto diretto con la pelle, ci siano tessuti freschi al tatto.

La buona abitudine vuole che il letto vada rifatto ogni giorno, rispettando l’ordine e l’aspetto degli elementi di cui è costituito.

Una buona regola da seguire anche d’inverno sarebbe quella di lasciarlo scoperto per un po’ e dare aria alla stanza. In questo modo le lenzuola risulteranno più fresche e accoglienti.

Infine, per renderlo ancora più confortevole, si deve avere l’accortezza di tirare con forza le lenzuola da ogni angolo del letto per distenderle meglio, perché eventuali pieghe possono rendere il giaciglio fastidioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *