Come arredare la mansarda

Lo spazio di una mansarda potrebbe risultare ostico e complicato da arredare. In realtà esistono diverse soluzioni che possono essere adottate e, anche grazie all’utilizzo dei colori giusti delle pareti, è possibile rendere la mansarda un piccolo paradiso.

Come arredare una mansarda

Mobili e suppellettili per la mansarda

Spesso si entra in crisi quando si deve arredare la parte più bassa della mansarda. La prima sensazione è che non entri nulla e che sia uno spazio morto, inutilizzabile. Non è così, anzi, può essere sfruttato per creare angoli di arredamento originali e funzionali. Serve solo un po’ di creatività e qualche consiglio giusto come quelli elencati qui di seguito.

Nelle zone centrali possono essere posti gli arredi di dimensioni tradizionali, ma per la zona al di sotto del lato obliquo, detta anche zona di gronda, voler insistere nel posizionare letti, pensili o armadi è praticamente inutile. In questa zona, la soluzione ideale sarebbe quella di posizionare mobili fatti su misura.

Meglio arredi con la funzione di contenere indumenti, utensili o altri oggetti come cassettiere, dispense e cassepanche, ma con altezza, profondità e forma che si adattino perfettamente alla pendenza del soffitto. Un’altra soluzione è quella di posizionare mobili bassi che piuttosto si estendono in orizzontale.

E se si cerca una soluzione davvero alternativa, questa può essere il realizzare salottini e angoli per rilassarsi utilizzando poltroncine e divani bassi o arredamenti orientali che poggiano direttamente sul pavimento come cuscini e tatami. Ma la zona di gronda potrebbe essere sfruttata anche come angolo per il gioco dei più piccoli: un tappeto morbido srotolato a terra basta per creare l’atmosfera giusta per divertirsi.

E se nessuna delle soluzioni proposte fa al caso vostro, allora si possono posizionare in questo punto così particolare l’impianto audio-video e prevedere un comodo divano.

Quali colori scegliere in mansarda?

Il problema della parte di soffitto spiovente della mansarda non è solo una questione di ottimizzazione e giusto sfruttamento degli spazi, ma anche una complicazione legata all’effetto ottico che uno spazio che si restringe provoca. Esso diventa scuro e, di conseguenza, piccolo e poco accogliente.

Per evitare che ciò accada, si può giocare sul colore di pareti e arredamenti. I colori chiari ovviamente sono quelli da favorire, perché donano luminosità e un naturale senso di apertura e ariosità. Il bianco, il beige chiaro e i colori pastello allargano lo spazio visivo e sono i più adatti per la zona di gronda.

Ma certi tipi di mansarde potrebbero presentare il problema diametralmente opposto, cioè il tetto potrebbe anche essere molto alto, tanto da dare l’idea che lo spazio sia molto ampio.

Per ridurre l’effetto di dispersione degli oggetti che potrebbero far risultare l’ambiente scarno e triste, si possono utilizzare delle tinte scure e decise. Queste ridimensionano gli spazi e rendono le stanze indubbiamente caratteristiche e particolari più di quanto non lo siano già per la loro natura architettonica.

Ed è proprio per queste caratteristiche che spesso vengono arredate utilizzando più di un colore, cosa che rende queste abitazioni vivaci e originali. Ma ciò non toglie che anche il minimalismo possa risultare una scelta azzeccata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *